psicologo agenzia matrimoniale

Il difficile rapporto coi figli nelle nuove coppie miste

Lo psicologo risponde – Analisi di un problema reale

Benvenuti al nuovo appuntamento con Anna, la nostra psicologa. Oggi vorrei sottoporre alla sua attenzione una lettera che mi ha inviato il mio amico Giuseppe e capire in che modo può cercare di risolvere un problema che probabilmente coinvolge tante altre coppie miste nel mondo: l’accettazione dei ruoli genitori figli in un nuovo rapporto affettivo di una coppia mista. Un anno fa gli ho fatto conoscere Irina, una ragazza madre ucraina. Loro si sono piaciuti tantissimo fin dal primo momento. Dopo però è successo qualcosa, a causa del figlio di 8 anni di Irina.

Ecco il messaggio di Giuseppe:

“Cara Roksolana, come sai, Irina è tornata in Ucraina con suo figlio. Io sono molto triste, le cose tra me e lei andavano benissimo, tanto che sembravamo fatti l’uno per l’altra. Purtroppo non siamo riusciti a superare il grosso problema rappresentato dai comportamenti di suo figlio nei miei confronti che rendono impossibile la nostra convivenza. Se ricordi, avevo invitato Irina e suo figlio in Italia a febbraio, per trascorrere assieme un paio di settimane. Poi è scoppiato il casino del lockdown e così lei è dovuta rimanere a vivere con me fino praticamente a giugno. Questa convivenza ci ha fatto capire molte cose, sia in positivo che purtroppo anche in negativo. Mi riferisco al difficile rapporto con suo figlio Sasha. Secondo me, lui è troppo viziato e non mi considera affatto nè come amico, nè come figura di educatore. Io forse ho sbagliato cercando di impormi con una certa autorità. E un paio di volte sono ricorso a qualche sculacciata per evitare suoi comportamenti assolutamente sbagliati. E proprio in quelle due occasioni, Irina si è arrabbiata tantissimo con me, proteggendo il figlio e prendendo le sue difese. Io vorrei che qualcuno mi aiutasse a capire chi sbaglia e come risolvere la situazione. Io amo Irina e sono sicuro che anche lei mi adora. Ma ho capito che il figlio rende impossibile la nostra storia d’amore. Scusa se mi rivolgo a te. Dimmi cosa ne pensi e cosa posso fare per recuperare la situazione che sembra ormai compromessa”

Conoscere meglio i fatti e avere tanta pazienza

L’analisi di Anna parte da un presupposto fondamentale per la comprensione esatta del problema: che si dovrebbero conoscere i fatti facendoseli raccontare da tutti i soggetti coinvolti nella situazione, cioè sia Giuseppe, che Irina e Sasha. In mancanza di tali informazioni, si può provare a dare qualche consiglio di comportamento per il nostro Giuseppe. Anzitutto quello di armarsi di una buona dose di pazienza. Il processo sarà lungo e impegnativo. Quindi lo si potrà affrontare solo se il legame con la propria partner è forte e sincero.

Conseguenze del lockdown recente

Una fortuna della coppia di cui stiamo parlando, paradossalmente è stata quella di mettere subito alla prova la loro intesa sentimentale e relazionale a causa del recente lockdown. Molte coppie si sono separate in questo periodo, a causa della forzata convivenza continuativa, che ha in molti casi scoperto i nervi di rapporti inconsapevolmente confezionati male all’inizio. 

Concordare i ruoli fin dall’inizio

Al di là di errori fatti da Irina, di cui però non siamo a conoscenza, ne esiste uno sicuramente da evitare. Quello della mancanza di dialogo preliminare alla convivenza assieme al figlio di lei. E’ molto importante concordare fin dall’inizio quali siano i ruoli e i comportamenti che ognuno dei partner accetterà di tenere o non accetterà che l’altro abbia nei confronti del bambino. Questo accordo servirà poi ad armonizzare il primo periodo di convivenza. Il suggerimento da dare a Giuseppe è quindi quello di fare un nuovo tentativo, invitando ancora Irina e Sasha e cercando di parlare con lei definendo nuovamente ruoli e strategie educative condivise.

Diversità di reazioni dopo la separazione dal primo matrimonio

Parlando più in generale della convivenza tra coppie miste che provengono da precedenti matrimoni, ereditando figli, possiamo rilevare alcune differenze di ordine culturale tra diversi paesi del mondo. Per esempio, di solito un divorzio di ucraini e russi molto spesso lascia dietro di sé rancori e antipatie, di cui i figli sono le vittime più indifese. In Francia invece capita spesso che i rapporti con figli ed ex partner siano vissuti in maniera molto amichevole. 

I figli perdono la loro centralità

In Italia si possono verificare situazioni completamente diverse a seconda dei casi. Si hanno esempi di giovani donne dell’est che sposando un uomo italiano divorziato, possono entrare in conflitto coi figli di lui. Questo succede quando questi figli sentono di perdere la loro “centralità” affettiva da parte del padre, o della madre, come nel caso di Irina sopra esposto. Si crea quindi una sorta di competizione col nuovo arrivato, essenzialmente causata dalla gelosia. Nel caso appunto di Giuseppe, i comportamenti di Sasha potrebbero essere conseguenza di una suo modo di tornare al centro delle attenzioni della madre. 

Gli errori del nuovo arrivato

Gli errori che Giuseppe o chiunque altro potrebbero commettere in una situazione del genere, sono di due tipi: diventare eccessivamente generosi, magari facendo regali al figlio o alla figlia della nuova compagna, oppure pretendendo fin da subito di essere al centro dell’interesse della nuova partner. Nel primo caso, i figli ne approfitteranno senza però avvicinarsi emotivamente al donatore. Nel secondo caso, scaterenà le gelosie dei figli stessi di lei. 

Meritarsi la fiducia, non comprarla

Cosa fare quindi per guadagnare la fiducia e l’affetto dei figli altrui? Come detto sopra, occorre soprattutto tempo e avere molta pazienza. Consiglio soprattutto di lasciare alla madre e ai suoi figli quegli spazi che da sempre sono abituati a condividere, facendo in modo di non intromettersi sempre e comunque in tutte le faccende quotidiane. I figli dovranno abituarsi piano piano alla sua presenza e al suo ruolo. Solo dopo che lui diventerà un “familiare”, potrà essere accettato dalla coppia madre/figlio. L’uomo insomma dovrà meritare (e non comprare o imporre) il rispetto e la considerazione del minore. Chiaramente ciò richiederà tempo e grandi sforzi.

Difficoltà di accettazione delle regole italiane da parte di una ragazza dell’est

Possiamo concludere il ragionamento parlando invece delle difficoltà di accettazione di alcune situazioni legate ai precedenti figli e mogli da parte di una donna dell’est che inizia una convivenza con un partner italiano. La normativa italiana prevede che, dopo una separazione, l’uomo continui ad avere dei doveri anche economici riguardo l’ex moglie e i suoi figli. Queste incombenze, se non vengono adeguatamente spiegate alle donne russe e ucraine, possono risultare difficili da digerire e possono causare tensioni e malintesi che in alcuni casi rischiano di rovinare sul nascere una potenziale nuova bella relazione. Vale la pena quindi mettere pienamente al corrente la propria compagna di queste cose, che normalmente non hanno un peso così rilevante nei paesi dell’ex Unione Sovietica.

Seguici e condividi:

figli coppie miste

Agenzia Matrimoniale You & Meet
di Roksolana Kopaigora
Partita IVA: 09207140964
Codice REA MI-2075724

SEDE OPERATIVA ITALIANA

Via Calori, 13
Locate di Triulzi Milano, Italia
Telefono: (+39) 389 8532140
(anche whatsapp)
Skype: you.and.meet
Email: info@youandmeet.it

FILIALE UCRAINA

St.Serova, 9
Dnipropetrovsk, UKR
Telefono: (+38)0932097930
(+38)0995562240
(+38)0974212074
Email: youandmeet@yandex.ru

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL