Come invitare e ospitare un cittadino extra UE

Proveremo qui a spiegare in parole molto semplici quali sono attualmente le procedure da seguire se volete invitare una ragazza dell’est Europa residente in Russia, Ucraina, o Bielorussia.

Anzitutto bisogna chiarire alcuni aspetti che per molti non sono chiari (soprattutto per il cittadino slavo): il Visto per poter arrivare in Italia (e poter viaggiare in tutti i paesi Schengen per il periodo di validità) è rilasciato discrezionalmente dai consolati e dalle ambasciate Europee presenti nel paese del richiedente (Russia, Ucraina, Bielorussia). Non è assolutamente una “concessione” fatta dal “Soviet supremo”, come spesso immaginano i cittadini russofoni, a causa di un retaggio storico di cui ancora non si sono liberati mentalmente. Se dunque il Visto non viene concesso, la colpa è del consolato europeo a cui ci si è rivolti e non del governo russo o ucraino, ai quali poco importa se un loro cittadino esce dal proprio paese.

Se non si hanno rapporti di parentela con la persona che si vuole invitare, c’è solo un tipo di Visto che quella persona può richiedere: quello Turistico.

La sua durata può variare da pochi giorni a 90 giorni, da “consumare” nell’arco di 6 mesi. Se si dispone di un Visto di 90 giorni e si usano tutti nei primi 3 mesi, per poterne richiedere un altro occorre attendere altri 3 mesi nel paese di residenza.

Se durante la permanenza in paesi Schengen (ad esempio in Italia) la persona invitata rimane incinta, è possibile richiedere per lei un permesso di soggiorno per cure mediche, che avrà durata fino a circa 30 giorni dopo il previsto parto. Una volta nato il bambino, e riconosciuto dal padre italiano, per la cittadina extra UE può essere richiesto il permesso di soggiorno per motivi familiari (il figlio è un parente). Stesso discorso vale per l’eventuale matrimonio celebrato durante il periodo di permanenza in territorio Schengen. Dopo il matrimonio, la cittadina extra UE può richiedere il permesso di soggiorno per motivi familiari e restare legalmente in Italia per 5 anni, rinnovabili.

Il Visto turistico lo si può ottenere (e richiedere) in due modi diversi

Se il cittadino russo o ucraino ha un conto corrente con una disponibilità economica superiore a 2000 Dollari USA, e se il medesimo non ha pendenze penali e dimostra di avere una propria casa e un lavoro, può tranquillamente recarsi al consolato italiano nel proprio paese e chiedere il Visto autonomamente, portando con sé passaporto internazionale valido e prenotazione volo e Hotel nella città di destinazione del suo viaggio. Di solito queste operazioni le svolge anche una qualsiasi agenzia viaggi locale.

Se invece il cittadino extra UE non dispone di quanto sopra, allora può far richiedere il Visto da un cittadino UE il quale “provvederà” a garantire il temporaneo soggiorno dell’invitato attraverso una “Dichiarazione di ospitalità” manoscritta e di una serie di documenti comprovanti le proprie capacità economiche a supporto dell’altra persona. Queste sono: fidejussione bancaria in favore della persona da invitare (banche e società assicurative hanno i moduli per tali inviti con i relativi premi assicurativi in funzione del periodo di soggiorno da coprire). Copia del rogito o contratto di affitto della propria casa (per dimostrare il posto dove verrà ospitata la persona invitata). Fotocopia del proprio documento (carta di identità). Questi documenti, in originale, dovranno essere spediti alla persona che si vuole invitare, la quale dovrà recarsi al consolato o ambasciata italiana nel suo paese a fare la richiesta di Visto, portando con sé anche il passaporto internazionale, sul quale, dopo una decina di giorni, verrà apposto il timbro del Visto, in caso ovviamente di accettazione.

Purtroppo può capitare che il consolato o ambasciata rifiutino la richiesta, spesso con motivazioni molto generiche, tipo che la richiesta è stata fatta con tempistiche troppo ristrette, o che non sono riusciti a contattare telefonicamente l’invitante in Italia. Un suggerimento che diamo è quello di fare la richiesta al consolato almeno un mese prima.

Se avete ancora dubbi, contattate la nostra agenzia matrimoniale You & Meet, saremo lieti di darvi tutte le informazioni che necessitate.

 

Seguici e condividi:

Agenzia Matrimoniale You & Meet
di Roksolana Kopaigora
Partita IVA: 09207140964
Codice REA MI-2075724

SEDE OPERATIVA ITALIANA

Via Calori, 13
Locate di Triulzi Milano, Italia
Telefono: (+39) 389 8532140
(anche whatsapp)
Skype: you.and.meet
Email: info@youandmeet.it

FILIALE UCRAINA

St.Serova, 9
Dnipropetrovsk, UKR
Telefono: (+38)0932097930
(+38)0995562240
(+38)0974212074
Email: youandmeet@yandex.ru


WhatsApp chat